Chioma nera

Caro uomo nero mio,

torno a scriverti.

Pensavo a te.

In realtà ti penso spesso e sorrido perché mi ricordo di tutti i momenti passati assieme.

In cui eravamo io e te: il tuo corpo ed il mio in una fusione nera… non ho mai odiato il mio corpo, ma insieme a te ho imparato ad amarlo: le curve, le smagliature…tutto…

Eppure c’era una cosa che odiavi: i miei capelli naturali…mi avevi detto tu che per sembrare più donna sarei dovuta tornare ai capelli lunghi le extensions magari…ma non così…non ero abbastanza donna…

Finalmente non volevo somigliare a nessuno, non volevo incarnare gli standard di bellezza di nessuno.

Volevo che i miei ricci Afro fossero l’espressione della libertà ritrovata, volevo che fossero lo specchio della mia nuova anima.

Non l’avevi visto nei miei occhi che mi amavo più di prima.

Non l’avevi capito, ma mentre mi ritrovavo tu mi perdevi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.